auto futuro
  • Categoria dell'articolo:Tecnologia
  • Ultima modifica dell'articolo:23 Settembre 2022

La fantascienza ha tentato più volte di ricreare la mobilità del futuro. Alcuni film come Ritorno al futuro II presentavano già macchine volanti nel 2015. Sette anni dopo, nel 2022, la cosa più vicina sono i droni con passeggeri, con difficoltà legali per farli diventare realtà.

Altri invece come Blade Runner, che, girato nel 1982, ha immaginato la mobilità del 2019, sono molto più vicini alla realtà odierna: città affollate di persone, strade spesso invase da pedoni, auto di diverse dimensioni, macchine e anche qualche ciclista.

Naturalmente gli unici veicoli volanti rappresentati da Ridley Scott erano gli spinner, auto della polizia ad alto livello tecnologico, schermi e sistemi di connessione e comunicazione, che permettevano loro di raggiungere facilmente la propria destinazione, oltre che di comunicare con altri veicoli.

La somiglianza con la realtà attuale in Blade Runner, purtroppo, è abbastanza ragionevole. E il futuro così, insostenibile.

Per questo i progressi in questo campo ci stanno portando verso un cambio di paradigma: il futuro della mobilità sarà elettrico, connesso, cooperativo e autonomo, oppure no.

L’essenziale per l’automazione

Gli esperti prevedono già un futuro prossimo in cui i veicoli guidati da persone coesistono con questi veicoli autonomi. È inevitabile pensare a loro quando si parla di futuro e l’automazione è una delle scommesse chiave dei produttori.

Tuttavia, questa realtà di traffico misto aumenta notevolmente la complessità delle nostre strade. Obbliga la mobilità a essere cooperativa, in modo che le informazioni di interesse siano condivise tra i diversi veicoli: manovre da effettuare (sorpassi, cambi di direzione, ecc.), avvicinamento dei veicoli di emergenza, percezione dell’ambiente, ecc.

La cooperazione, a sua volta, richiede che anche questa mobilità sia connessa. Devono esserci diversi flussi di comunicazione tra i veicoli e l’infrastruttura, con gli altri veicoli, con i pedoni e con qualsiasi altro elemento dell’ambiente.

Pertanto, la cooperatività e la connettività sono indispensabili per aprire la strada alla mobilità autonoma.

L’impatto della nuova mobilità del futuro

Questo cambiamento trasformativo nella mobilità avrà un enorme impatto su tutte le situazioni della strada, del traffico e della guida.

Si prevede che lo sviluppo della mobilità connessa, cooperativa e autonoma (CCAM) avvantaggerà l’intera società in alcuni punti chiave come:

  • Sicurezza stradale: le informazioni stradali saranno condivise da diversi utenti e consentiranno sia all’uomo che alle auto a guida autonoma di anticipare situazioni critiche che mettono a rischio la sicurezza stradale (scarsa visibilità, incidenti, lavori, asfalto in cattive condizioni, ecc.). Ciò ridurrà gli incidenti stradali causati dall’errore umano.
  • Efficienza: questa anticipazione a sua volta ci consentirà di regolare la nostra modalità di guida con più tempo, evitando manovre improvvise. Ci aiuterà a prendere decisioni migliori e il flusso di traffico migliorerà.
  • Sostenibilità: Inoltre, tutte queste informazioni aiuteranno a ottimizzare la capacità delle autostrade e l’ottimizzazione dei percorsi, in modo da ridurre anche le emissioni generate dai trasporti.

Questi tre aspetti sono di vitale importanza per raggiungere alcune delle grandi sfide poste dall’Unione Europea (UE) in termini di sicurezza e sostenibilità. Sebbene l’UE abbia compiuto enormi progressi nel miglioramento della sicurezza stradale e abbia dimezzato il numero di vittime sulle strade europee dal 2000, i progressi si sono bloccati e 25.000 persone rimangono ancora uccise sulle strade ogni anno e oltre 135.000 sono gravemente ferite. Il quadro per la politica della sicurezza stradale dell’UE 2021-2030 mira a ridurre del 50% entro il 2030 i decessi e i feriti gravi sulle strade e farli scomparire entro il 2050 ( visione zero ).

Inoltre, attualmente, le emissioni dei vari modi di trasporto su strada sono aumentate negli ultimi anni e rappresentano circa il 25% delle emissioni totali di gas serra dell’UE. Il Green Deal europeo ha fissato l’obiettivo di essere climaticamente neutro entro il 2050 e di ottenere una riduzione del 90% di queste emissioni di gas serra legate ai trasporti entro il 2050.

Ultimo ma non meno importante, questo nuovo paradigma mira anche a realizzare uno scenario più inclusivo in cui l’accesso alla mobilità e alla merce sia garantito a tutte le persone, indipendentemente dalla loro ubicazione geografica, esperienza digitale e caratteristiche individuali come età, livello di reddito, capacità funzionale o Genere.

Sfide e tecnologie abilitanti

Per raggiungere questa realtà, i ricercatori in questo campo stanno lavorando per risolvere alcune delle più grandi sfide tecnologiche che esistono oggi nella guida connessa, cooperativa e autonoma.

Rilevamento affidabile dell’ambiente del veicolo attraverso diversi sensori, soluzioni di localizzazione in modo che l’auto autonoma sappia esattamente dove si trova, sviluppo di strategie di guida sicura di fronte a situazioni impreviste, sicurezza dei dati, validazione e verifica dei sistemi.

Tuttavia, nulla di tutto ciò funzionerà senza la stretta collaborazione del settore pubblico e privato. È urgente stabilire politiche di regolamentazione in modo che tutte queste tecnologie possano vedere la luce e ristabilire il caos prima che la realtà superi la finzione.

Autore

Olatz Iparraguirre, Centro di studi tecnici e di ricerca di Gipuzkoa-CEIT, Alfonso Brazalez, Università di Navarra