Pesci
  • Categoria dell'articolo:Curiosità / Scienza
  • Ultima modifica dell'articolo:4 Aprile 2023

La risposta breve è sì, alcuni pesci bevono acqua di mare, ma non tutti. I pesci sono animali fantastici e hanno alcune soluzioni molto interessanti per vivere in acqua. Naturalmente, diversi tipi di pesce hanno evoluto soluzioni diverse.

I tipi ossei di pesci che vivono nel mare – come merluzzo, aringa, tonno e così via – hanno alcuni modi per far entrare e uscire l’acqua dal corpo. Oltre a deglutire e urinare, come fanno gli umani, questi pesci possono farla passare attraverso la pelle e le branchie.

Per capire come funziona, devi prima sapere che i pesci ossei hanno una diversa concentrazione di sale nei loro corpi rispetto al loro ambiente. Ciò significa che sono più o meno salati dell’acqua in cui nuotano.

I corpi dei pesci marini (che vivono nel mare) sono meno salati dell’acqua in cui nuotano, mentre i corpi dei pesci d’acqua dolce (che vivono nei fiumi e nei laghi) sono più salati dell’acqua in cui nuotano.

Sia i pesci marini che quelli d’acqua dolce devono controllare la quantità di acqua e sale nei loro corpi, per rimanere sani e idratati.

Difficile rimanere idratati

I pesci marini ossei perdono costantemente acqua dal loro corpo, attraverso un processo chiamato osmosi”. Durante l’osmosi, l’acqua si muove attraverso una membrana (come la pelle), dalle aree a minore concentrazione alle aree a maggiore concentrazione.

Ricorda, il corpo di un pesce marino è meno salato dell’acqua di mare in cui nuota, il che significa che ha una minore concentrazione di sale. Quindi questi pesci in realtà perdono acqua per osmosi: passa dal loro corpo, attraverso la pelle e le branchie.

Dal momento che perdono costantemente acqua in questo modo, questi pesci devono bere molta acqua di mare per rimanere idratati.

Potresti essere interessato a sapere che accade il contrario nei pesci d’acqua dolce. Ciò significa che generalmente non hanno bisogno di bere, ma devono urinare molto.

Sappiamo tutti che troppo sale fa male. Quindi, ovviamente, un animale che beve acqua di mare deve avere un modo per liberarsi del sale in eccesso.

I pesci marini hanno i reni, che pompano il sale in eccesso nella loro urina in modo che possano rimuoverlo dai loro corpi. Inoltre hanno anche cellule speciali nelle loro branchie che pompano il sale in eccesso nel mare. Insieme, questi due sistemi aiutano i pesci marini a rimanere ben idratati.

E gli squali?

Gli squali hanno sviluppato un sistema completamente diverso. I loro corpi hanno una concentrazione leggermente superiore di sale rispetto all’acqua di mare. Ciò significa che non hanno il problema dei pesci ossei di perdere continuamente acqua attraverso la pelle.

Gli squali hanno alti livelli di sostanze chimiche di scarto – chiamate urea e trimetilammina N-ossido – nel loro corpo, di cui gli altri animali di solito si libererebbero. Gli squali li tengono nel loro corpo, il che li rende molto “salati”.

Squalo
Squalo. Pixbay

Gli squali assorbono piccole quantità di acqua attraverso le branchie (per osmosi, perché sono leggermente più salati del mare) il che significa che non hanno la necessità di bere direttamente.

Gli squali sono anche dotati di una ghiandola del sale (nel loro retto) per eliminare il sale in eccesso che potrebbero accumulare.

Il problema di bere acqua di mare non riguarda solo i pesci. Alcuni uccelli marini, ad esempio gli albatro, devono bere anche acqua di mare. Come gli squali, questi uccelli marini hanno una ghiandola salina per eliminare il sale in eccesso. Ma su un albatro si trova nella parte superiore del becco dell’uccello.

Autore

Claire Lacey, PhD Candidate in Biology, University of St Andrews