spiaggia
  • Categoria dell'articolo:Curiosità / Scienza
  • Ultima modifica dell'articolo:19 Settembre 2023

Hai mai pensato a perché l’acqua dell’oceano è così salata? La risposta potrebbe sorprenderti. In realtà, è molto semplice: l’acqua dell’oceano è salata perché contiene sale! In ogni litro di acqua di mare, ci sono circa 35 grammi di sale. Ma, da dove proviene? Scopriamo insieme.

La fonte del sale marino

Il sale marino proviene da una combinazione di due fonti principali: i sali minerali estratti dalle rocce e i gas rilasciati dai vulcani e dalle dorsali oceaniche, che sono catene montuose sommerse. I sali minerali sono elementi chimici che si trovano nelle rocce e che finiscono nell’acqua a causa dell’erosione. Gli elementi chimici, a loro volta, sono costituiti da atomi, le unità fondamentali della materia. Gli atomi sono come i mattoni con cui sono costruite tutte le cose che ci circondano, dalle rocce alle piante, dall’aria agli animali, persino tu stesso e il dispositivo con cui stai leggendo questo articolo.

Ad esempio, le rocce calcaree contengono tre tipi diversi di elementi chimici: calcio (Ca), carbonio (C) e ossigeno (O). Alcune rocce, come il granito o il basalto, contengono anche un elemento chiamato sodio (Na).

I vulcani rilasciano gas nell’atmosfera, rendendo l’acqua piovana acida. Uno di questi gas è il diossido di carbonio (CO2), che reagisce con l’acqua formando l’acido carbonico. Quando queste acque piovane acide entrano in contatto con le rocce, le corrodono lentamente, dissolvendo parte dei minerali in esse contenuti.

Esperimenti da fare a casa

Puoi riprodurre queste reazioni a casa tua. Ad esempio, se noti delle macchie bianche sui rubinetti o sulle pareti della doccia, queste sono spesso causate dal calcare, lo stesso tipo di minerale presente nelle rocce. Versando un po’ di aceto su di esse, vedrai che le macchie inizieranno a scomparire. Questo dimostra come l’acido carbonico, come l’aceto, possa reagire con le rocce, rendendole più fragili e facendo sì che alcuni elementi, tra cui il sodio, il calcio e il magnesio, finiscano nelle acque piovane e, successivamente, negli oceani.

Inoltre, i vulcani emettono anche altri gas, come il cloro (Cl), che si accumula nell’oceano. Quindi, nell’acqua dell’oceano, troverai sia sodio (Na) che cloro (Cl), che insieme formano il cloruro di sodio (NaCl), meglio conosciuto come il sale da cucina! Ma perché non vediamo questi cristalli di sale nell’acqua marina? La risposta è che questi elementi sono disciolti nell’acqua.

La dissoluzione del sale

Puoi fare due semplici esperimenti per capire meglio questo concetto. Per prima cosa, puoi creare acqua di mare finta a casa tua. Prendi 100 millilitri d’acqua del rubinetto, assaggiala – vedrai che non è salata. Poi, aggiungi 3,5 grammi di sale e mescola bene. Dopo un po’, non vedrai più i cristalli di sale, e l’acqua sarà diventata salata.

Al contrario, se prendi dell’acqua di mare e la fai evaporare, ad esempio lasciandola al sole, vedrai che si formeranno dei cristalli. Questi cristalli sono il famoso sale da cucina (NaCl), che si è ricostituito attraverso l’evaporazione. Questo processo di evaporazione è utilizzato dagli esseri umani nelle saline per estrarre il sale.

A volte, enormi quantità di acqua marina si evaporano naturalmente, creando enormi depositi di sale. Questi depositi possono diventare così grandi da formare rocce chiamate “evaporiti“. Le miniere di sale sfruttano questi depositi per produrre sale che può essere utilizzato in cucina o sparso sulle strade durante l’inverno.

La salinità del mare è un affascinante esempio di come la natura opera attraverso processi geologici e chimici che si verificano nel corso di milioni di anni. Ora, la prossima volta che guardi il mare, saprai perché è così salato!