Al momento stai visualizzando Il curioso legame tra il letargo degli animali e l’invecchiamento
  • Categoria dell'articolo:Scienza
  • Ultima modifica dell'articolo:6 Gennaio 2024

Quando arriva l’inverno freddo e buio, alcuni di noi invidiano gli animali che possono andare in letargo. Questo riposo lungo e profondo è un esempio di come la natura sviluppa soluzioni intelligenti a problemi difficili. In questo caso, come sopravvivere a un periodo lungo, freddo e buio senza molto cibo e acqua.

Ma l’ibernazione ha legami con la storia umana più stretti di quanto ci si potrebbe aspettare.

Un articolo in una copia del British Medical Journal del 1900 descrive uno strano letargo umano simile alla dormienza chiamato “lotska” che era comune tra i contadini di Pskov, in Russia. In questa zona il cibo era così scarso durante l’inverno che il problema veniva risolto dormendo durante la parte buia dell’anno.

Una volta al giorno la gente si svegliava per mangiare un pezzo di pane e bere un bicchiere d’acqua. Dopo il semplice pasto, si tornavano a dormire e i familiari si alternavano per mantenere vivo il fuoco. Troverai anche descrizioni nelle storie groenlandesi Inuit di un sonno prolungato simile a un letargo durante i lunghi e bui mesi invernali. In alcune parti della Groenlandia è buio da novembre a fine gennaio.

C’è uno studio del 2020 che suggerisce che gli antichi antenati dell’uomo, chiamati ominidi, potrebbero essere stati in grado di ibernarsi 400.000 anni fa. Le ossa scoperte in una grotta in Spagna mostrano un’interruzione stagionale della crescita, suggerendo che uno dei predecessori dell’uomo potrebbe aver utilizzato la stessa strategia degli orsi delle caverne per sopravvivere ai lunghi inverni.

Animali e letargo

L’ibernazione è un processo più profondo e complesso del sonno normale, che comprende cambiamenti drammatici nel metabolismo. Questo lungo periodo di riposo combina diverse condizioni legate alla longevità, al ridotto apporto calorico, alla bassa temperatura corporea e al metabolismo abbassato.

Gli animali che vanno in letargo solitamente vivono più a lungo rispetto ad altre specie della stessa taglia. Studi recenti che utilizzano orologi epigenetici, che mappano l’attività dei geni nel tempo, suggeriscono che l’ibernazione rallenta l’invecchiamento nelle marmotte e nei pipistrelli. Quindi l’ibernazione può contenere indizi importanti su come rallentare i processi di invecchiamento.

Esistono diverse forme di invecchiamento: età cronologica e biologica.

L’età cronologica in realtà riguarda solo il numero di rivoluzioni che la terra ha compiuto attorno al sole da quando siamo nati.

Non è il tempo in sé a invecchiarci ma piuttosto “l’usura”. L’età biologica misura l’usura. È una misura della salute più completa e personale rispetto all’età cronologica e un migliore predittore della longevità. Uno studio del 2023 ha stabilito che l’età biologica varia e che un aumento temporaneo, ad esempio durante interventi chirurgici e stress, si inverte quando ci si riprende.

Le malattie legate allo stile di vita e che si accumulano con l’età, come le malattie cardiovascolari, l’obesità, la demenza e la malattia renale cronica, sono causate dall’“usura”. Ciò si traduce in infiammazione, composizione alterata del microbiota intestinale e aumento dello stress ossidativo. Lo stress ossidativo si verifica quando ci sono troppi radicali liberi (atomi instabili che danneggiano le cellule) nel corpo.

La nuova scienza basata sugli orologi epigenetici e sulle lezioni apprese dagli animali in letargo potrebbe aiutarci a curare i pazienti affetti da malattie causate dall’“usura”. Potremmo usare farmaci che potrebbero rallentare l’invecchiamento.

Ad esempio, la metformina è il principale farmaco di prima linea per il trattamento del diabete di tipo 2. Regola l’infiammazione, la sensibilità all’insulina e rallenta il danno al DNA causato dallo stress ossidativo. Vi sono prove crescenti che possa aiutare a gestire altre malattie “da usura” come le malattie cardiovascolari e l’uso a lungo termine del farmaco può essere associato a un deterioramento cognitivo inferiore.

Imparare di più sull’ibernazione può apportare benefici alla medicina umana per il trattamento di lesioni cerebrali traumatiche , gravi perdite di sangue , preservazione della massa muscolare e ossea e fornendo una migliore protezione durante il trapianto di organi .

Uno studio del 2018 ha rilevato che l’imitazione delle condizioni di ibernazione per la conservazione degli innesti renali di donatori deceduti sembrava migliorarne la conservazione. La degenerazione muscolo-scheletrica è spesso determinata da geni, ma questi geni sembravano essere disattivati ​​negli orsi che vanno in letargo.

Animali e longevità

Ci sono anche animali longevi e che non vanno in letargo da cui possiamo imparare, come lo squalo della Groenlandia, la talpa senza pelo, la vongola islandese e lo scorfano Occhiorugoso. Queste specie hanno sviluppato meccanismi superiori che le proteggono dall’invecchiamento. Sembra che la protezione contro l’infiammazione, lo stress ossidativo e le modificazioni delle proteine ​​che avvengono con l’età siano meccanismi che in generale apportano benefici a tutti gli animali longevi.

Studi genetici sullo scorfano dall’occhio ruvido, che può vivere per oltre 200 anni, suggeriscono che un gruppo alimentare chiamato flavonoidi è correlato alla loro longevità. Agrumi, frutti di bosco, cipolle, mele e prezzemolo sono ricchi di flavonoidi, che hanno proprietà antinfiammatorie e proteggono dai danni agli organi, ad esempio causati da sostanze chimiche o dall’invecchiamento.

Lo studio del 2023 sullo scorfano dagli occhi ruvidi ha scoperto che un insieme dei suoi geni che potrebbero essere collegati alla longevità erano associati al metabolismo dei flavonoidi. Quindi un pesce longevo potrebbe avere qualcosa da insegnarci su cosa mangiare per vivere più a lungo.

Le lezioni della natura e degli animali in letargo ci dicono che la conservazione delle cellule, la regolazione del metabolismo e gli adattamenti genetici svolgono un ruolo chiave nella longevità. Il nostro stile di vita e le nostre abitudini alimentari sono i nostri migliori strumenti per imitare alcuni di questi meccanismi.

Quaranta ammiccamenti

C’è ancora così tanto che non capiamo sull’ibernazione, ma sappiamo che anche il sonno normale è collegato alla longevità. Ad esempio, uno studio del marzo 2023 ha dimostrato che con un sonno di buona qualità puoi aggiungere cinque anni alla vita degli uomini e due anni e mezzo se sei una donna. I ricercatori hanno definito un sonno di buona qualità come dormire dalle sette alle otto ore al giorno, senza aver bisogno di farmaci per il sonno e svegliarsi riposati almeno cinque giorni alla settimana.

Gli animali hanno enormi variazioni nel loro modo di dormire, dagli orsi e le marmotte che vanno in letargo per otto mesi all’anno agli elefanti che dormono solo due ore al giorno.
Come gli elefanti possano diventare così vecchi dormendo così poco è ancora un mistero per gli scienziati.

Scoprire come la natura ha risolto questi estremi potrebbe aiutare gli scienziati a decifrare nuovi modi per migliorare la salute umana.