Fascia muscolare
  • Categoria dell'articolo:Salute / Scienza
  • Ultima modifica dell'articolo:28 Dicembre 2023

Ci viene costantemente ricordato come l’esercizio fisico apporti benefici alla salute delle nostre ossa e dei muscoli o riduca il grasso. Tuttavia, c’è anche un crescente interesse per un elemento della nostra anatomia che spesso viene trascurato: la nostra fascia.

La fascia è un sottile involucro di tessuto connettivo, costituito principalmente da collagene, una struttura simile a una corda che fornisce forza e protezione a molte aree del corpo. Circonda e mantiene in posizione ogni organo, vaso sanguigno, osso, fibra nervosa e muscolo. E gli scienziati riconoscono sempre più la sua importanza per la salute dei muscoli e delle ossa.

È difficile vedere la fascia nel corpo, ma puoi avere un’idea di come appare se guardi una bistecca. Sono le sottili striature bianche sulla superficie o tra gli strati della carne.

Essa svolge funzioni generali e speciali nel corpo ed è organizzata in diversi modi. La più vicina alla superficie è la fascia superficiale, che si trova sotto la pelle tra gli strati di grasso. Poi abbiamo la fascia profonda che ricopre i muscoli, le ossa e i vasi sanguigni.

Il legame tra fascia, salute e funzione dei muscoli e delle ossa è rafforzato da studi recenti che mostrano l’importante ruolo della fascia nell’aiutare i muscoli a lavorare, aiutando la contrazione delle cellule muscolari per generare forza e influenzando la rigidità muscolare.

Ogni muscolo è avvolto da una fascia. Questi strati sono importanti poiché consentono ai muscoli che si trovano uno accanto o uno sopra l’altro di muoversi liberamente senza influenzare le reciproche funzioni.

Essa aiuta anche nella transizione della forza attraverso il sistema muscolo-scheletrico. Un esempio di ciò è la nostra caviglia, dove il tendine d’Achille trasferisce la forza alla fascia plantare. Ciò vede le forze muoversi verticalmente verso il basso attraverso il tendine d’Achille e poi trasferirsi orizzontalmente nella parte inferiore del piede – la fascia plantare – durante il movimento.

Una transizione di forza simile si osserva dai muscoli del torace che scendono fino ai gruppi di muscoli dell’avambraccio. Esistono catene connettive della fascia simili attraverso altre aree del corpo.

Quando la fascia viene danneggiata

Quando la fascia non funziona correttamente, come dopo un infortunio, gli strati diventano meno capaci di facilitare il movimento l’uno sull’altro o di aiutare a trasferire la forza. La lesione alla fascia richiede molto tempo per essere riparata, probabilmente perché possiede cellule simili ai tendini (fibroblasti) e ha un apporto di sangue limitato.

Recentemente è stato dimostrato che la fascia, in particolare gli strati vicini alla superficie, ha il secondo maggior numero di nervi dopo la pelle. I rivestimenti fasciali dei muscoli sono stati anche collegati al dolore derivante da un intervento chirurgico alle lesioni muscoloscheletriche dovute allo sport, all’esercizio fisico e all’invecchiamento. Fino al 30% delle persone con dolore muscoloscheletrico può avere un coinvolgimento fasciale o la fascia potrebbe esserne la causa.

Un tipo di massaggio chiamato manipolazione fasciale, sviluppato dal fisioterapista italiano Luigi Stecco negli anni ’80, ha dimostrato di migliorare il dolore causato dalla tendinopatia rotulea (dolore al tendine sotto la rotula), sia a breve che a lungo termine.

La manipolazione fasciale ha mostrato risultati positivi anche nel trattamento del dolore cronico alla spalla.

Una delle tendenze in crescita per l’aiuto in caso di lesioni muscoloscheletriche è il nastro Kinesio, che viene spesso utilizzato negli sport professionistici. Viene anche utilizzato per integrare la funzione della fascia e per trattare il dolore lombare cronico in cui il coinvolgimento fasciale è un fattore.

Fascia in disease

Oltre a danneggiarsi, la fascia può anche fornire percorsi lungo i quali le infezioni possono viaggiareall’interno dei muscoli.

Gli spazi tra gli strati fasciali sono solitamente chiusi (si pensi alla pellicola trasparente ripiegata), ma quando si verifica un’infezione, i germi possono diffondersi tra questi strati. Questo è un problema particolare nel collo, dove ci sono diversi strati di fascia lungo i quali le infezioni possono spostarsi.

Nei casi più gravi, è spesso necessario un intervento chirurgico per rimuovere il tessuto morto e salvare il tessuto sano rimanente.

Uno dei principali esempi di funzionamento della fascia in condizioni di salute e le sfide che la sua disfunzione può comportare è rappresentato dalla fascite plantare, un disturbo comune che provoca dolore attorno al tallone e all’arco del piede.

Questo disturbo incredibilmente comune colpisce il 5-7% delle persone, arrivando al 22% negli atleti. È riconosciuto come un infortunio da uso eccessivo, che causa l’ispessimento delle fasce fasciali sulla pianta dei piedi che aiutano a fornire supporto all’arco plantare.

La fascia può anche essere implicata in condizioni di salute più gravi, come la fascite necrotizzante. Questa è una condizione batterica rara ma grave che può diffondersi rapidamente nel corpo e causare la morte.

La condizione è quasi sempre causata da batteri, in particolare dallo streptococco del gruppo A o dallo stafilococco aureo. L’infezione iniziale proviene da un taglio o da un graffio, quindi i batteri viaggiano lungo la fascia verso altre aree lontane dal sito iniziale di accesso e si moltiplicano nell’ambiente ideale offerto dai caldi recessi del corpo.

Adesso lo vediamo meglio

Uno dei motivi per cui la fascia è stata trascurata in salute e in malattia è perché era difficile da vedere utilizzando l’attuale tecnologia di imaging. Più recentemente, tuttavia, la risonanza magnetica e l’ecografia hanno dimostrato di essere utili nella visualizzazione della fascia, in particolare in condizioni muscoloscheletriche come la fascite plantare e nei cambiamenti patologici nella fascia della spalla e del collo.

Con il crescente interesse per la fascia e la crescente comprensione del suo contributo alla salute muscoloscheletrica, è sensato suggerire di prendercene cura nello stesso modo in cui facciamo con il resto del sistema muscoloscheletrico: utilizzandola. Tecniche semplici come i rulli di schiuma e lo stretching sono utili per aumentare la mobilità, ma c’è ancora molto da imparare sulla nostra fascia e sul ruolo che svolge nella nostra salute quotidiana.