nuotare

È più sicuro nuotare in mare o in piscina?

  • Pubblicato
  • Aggiornato
  • 4 minuti di lettura

Il nuoto selvaggio è cresciuto enormemente in popolarità negli ultimi tempi. Nuotare all’aperto non è solo un modo piacevole per godersi il sole, l’aria fresca e un ambiente verdeggiante, ma può anche aiutare ad alleviare lo stress e aumentare le nostre endorfine. Questo crea un senso di benessere oltre a bruciare calorie e allenare i muscoli.

Ma insieme alle gioie del nuoto all’aperto arrivano alcuni pericoli. Non solo i nuotatori selvaggi sono più a rischio di maree, correnti e onde, ma possono anche esserci insetti e batteri in agguato nell’acqua. E con le acque reflue non trattate che fluiscono regolarmente in mari, fiumi e laghi, può essere difficile trovare un posto sicuro per una pagaia.

Naturalmente, nuotare in una piscina comporta una serie di rischi. Infezioni del tratto urinario, infezioni dell’orecchio e cimici della pancia sono le malattie più comuni. Le piscine sporche possono anche causare bruciore agli occhi e ospitare tutti i tipi di batteri e germi, tra cui urina, feci e sudore. 

Ma mentre è chiaro che nuotare in acque all’aperto comporta rischi diversi dal nuotare in piscina, la questione di dove sia più sicuro nuotare potrebbe non sembrare immediatamente ovvia. Quindi dov’è più sicuro nuotare: piscine, fiumi, laghi, canali o nel mare? Diamo un’occhiata alle prove.

Indice

Acque tossiche

A differenza delle piscine in cui le acque sono attentamente monitorate, le acque all’aperto cambiano costantemente nella composizione. Ciò significa che le sostanze chimiche possono filtrare nelle acque selvagge dalle vicine fattorie o aree industriali, gli animali possono defecare nell’acqua e in alcune aree le acque reflue umane possono essere scaricate legalmente o in altro modo nell’acqua (se riesci a vedere i tubi, non entrare).

Potrebbero non esserci segnali di avvertimento di pericoli locali e la presenza di agenti tossici potrebbe non essere evidente. In caso di dubbio sulla sicurezza chimica delle acque all’aperto, è meglio non entrarvi. Se l’acqua non ha l’aspetto o l’odore giusto, fidati del tuo istinto.

Ci sono anche rischi naturali per le acque all’aperto rispetto alle piscine, soprattutto in estate. Le alghe blu-verdi sono un tipo di batteri che si trovano naturalmente negli ecosistemi lacustri. Nelle estati calde, le alghe tendono a moltiplicarsi e a formare una schiuma verde polverosa (nota come fioritura) sulla superficie del lago. Questa fioritura di alghe blu-verdi può rilasciare tossine dannose per l’uomo e occasionalmente letali per gli animali domestici.
Nuotare o ingerire acqua contenente fioriture algali che rilasciano tossine può portare a eruzioni cutanee, irritazione agli occhi, gravi disturbi gastrointestinali, febbre e dolori muscolari e articolari.

Batteri e virus

La diarrea è la malattia più comune legata al nuoto in acque libere, spesso a causa della contaminazione delle acque reflue. Ti ammali se ingerisci acqua contaminata, che può contenere batteri e virus come E.coli e Norovirus.

I ratti che vivono nelle fogne adiacenti a fiumi o canali d’acqua dolce possono anche trasportare nelle loro urine il patogeno batterico Leptospira, che causa la leptospirosi (malattia di Weil). L’infezione si verifica se il terreno o l’acqua di un lago, fiume o canale che contiene l’urina di animali infetti viene ingerita, entra negli occhi di un nuotatore o va a contatto con delle ferite.

La leptospirosi può causare danni al fegato e ai reni e può essere fatale se non trattata. Se sviluppi sintomi di influenza o ittero fino a due settimane dopo aver nuotato in un fiume o in un canale, potrebbe essere una buona idea chiedere al tuo medico un test per la leptospirosi.

Per quanto riguarda il mare, uno studio del 2018 ha rilevato che le persone che nuotavano in acqua di mare avevano maggiori probabilità di contrarre infezioni all’orecchio, al naso, alla gola e al sistema gastrointestinale rispetto a quelle che rimanevano in spiaggia. Quindi è una buona idea lavarsi dopo aver nuotato in qualsiasi acqua all’aperto e sicuramente prima di mangiare.

Il verdetto

Quando sommi tutto, anche con la possibilità che le persone facciano urina o feci in piscina, una piscina gestita sarà sempre un ambiente più sicuro per una nuotata. Soprattutto se si considerano cose come le punture di medusa ei rischi aggiuntivi che derivano dal nuotare in acque fredde.

Rispetto a una piscina, i nuotatori selvaggi hanno maggiori probabilità di ammalarsi nuotando in acqua all’aperto poiché saranno sempre presenti microbi potenzialmente patogeni.

L’acqua della piscina, con adeguati livelli di disinfezione con cloro e mantenimento del pH, è molto meno probabile che contenga microrganismi infettivi e quindi rappresenta un ambiente molto più sicuro per il nuoto ricreativo. Lesioni e annegamenti sono anche molto meno probabili nelle piscine in cui sono presenti bagnini addestrati e attrezzature di sicurezza.

Forse, quindi, una piscina gestita all’aperto offre il meglio di entrambi i mondi: una nuotata con il sole sulla schiena in un ambiente igienico.

Autore

Primrose FreestoneUniversità di Leicester