donna che applica acqua micellare sul viso
  • Categoria dell'articolo:Curiosità / Scienza
  • Ultima modifica dell'articolo:9 Febbraio 2024

L’acqua micellare, un prodotto che si trova nei supermercati, nelle farmacie e negli armadietti dei bagni di tutto il mondo, è comunemente usata per rimuovere il trucco. È un detergente molto efficace e molte persone lo scelgono come parte della loro routine per la cura della pelle.

Allora, cos’è l’acqua micellare e perché è così efficace per rimuovere il trucco o la protezione solare?

Cosa sono le micelle?

L’olio e l’acqua generalmente non si mescolano, motivo per cui avrai difficoltà a rimuovere il trucco e la crema solare (che contengono entrambi oli) con semplice acqua.

Ma i prodotti a base di acqua micellare contengono qualcosa chiamato micelle: gruppi di molecole che sono molto efficaci nel rimuovere le sostanze oleose. Per capire il perché bisogna prima conoscere due termini della chimica: idrofilo e idrofobo.

Una sostanza idrofila “ama” l’acqua e si mescola facilmente con essa. Sale e zucchero ne sono esempi.

Una sostanza idrofoba “odia” l’acqua e generalmente rifiuta di mescolarsi con essa. Gli esempi includono olio e cera.

I materiali idrofili si mescoleranno felicemente con altri materiali idrofili. Lo stesso vale per le sostanze idrofobiche. Ma se provi a combinare materiali idrofili e idrofobi, non si mescoleranno.

Come si formano le micelle? È tutta una questione di tensioattivi

Le micelle si formano attraverso un processo guidato dai tensioattivi.

Le micelle presenti nell’acqua micellare sono il risultato dell’azione di molecole particolari chiamate tensioattivi.

Il termine “tensioattivo” deriva dalla loro capacità di agire come agenti di superficie attivi. Queste molecole, dotate di una struttura unica, combinano una regione idrofila (che ama l’acqua) con una regione idrofoba (che la evita).

Quando una modesta quantità di tensioattivo viene dispersa nell’acqua, le due estremità molecolari mostrano preferenze opposte. La testa idrofila è attratta verso l’acqua, mentre la coda idrofoba cerca di evitare il contatto con essa.

Con l’aggiunta di una quantità sufficiente di tensioattivo, si raggiunge una concentrazione critica, e le molecole di tensioattivo si organizzano autonomamente in gruppi di circa 20-100 unità.

In queste micelle, le teste idrofile sono rivolte verso l’esterno, mentre le code idrofobe sono raccolte al centro, al riparo dall’ambiente acquoso. Questa disposizione forma una struttura sferica, la micella.

Le micelle risultano essere solubili in acqua grazie alla loro sezione esterna idrofila, ma mantengono al loro interno una regione idrofoba, ideale per attrarre e intrappolare oli e sostanze simili.

Questa caratteristica è fondamentale nell’uso dei tensioattivi nei detersivi, poiché consente loro di sollevare e trattenere l’olio, consentendo alla micella di mantenere l’olio disperso nell’acqua, contribuendo così alla pulizia di superfici come le pentole.

Acqua micellare in azione

I tensioattivi sono presenti nel detersivo per i piatti, nel bagnoschiuma, nello shampoo, nel dentifricio e anche in molti alimenti. In tutti questi casi, sono lì per aiutare l’acqua a interagire con lo sporco e gli oli, e l’acqua micellare non è diversa.

Quando applichi un po’ di acqua micellare su un dischetto di cotone, si verifica un’altra comoda interazione. Il cotone bagnato è idrofilo (ama l’acqua). Di conseguenza, alcune micelle si disfaranno e le teste idrofile verranno attratte dal batuffolo di cotone bagnato.

Ora, dalla superficie sporgerà uno strato di gruppi di coda idrofobici. Queste code idrofobiche non vedono l’ora di attirare trucco, creme solari, oli, sporco, grasso e altri contaminanti che si trovano sul viso.

Mentre passi il batuffolo di cotone sulla pelle, questi contaminanti si legano alle code idrofobiche e vengono rimossi dalla pelle.

Alcuni contaminanti si troveranno anche incapsulati nei centri idrofobici della micella.

In ogni caso, viene lasciata una superficie più pulita.

Allora perché non dovrei usare semplicemente il detersivo per piatti per lavarmi la faccia?

Tecnicamente, funzionerebbe poiché il detersivo contiene effettivamente molti tensioattivi che formano micelle.

Ma questi particolari tensioattivi probabilmente causerebbero molte irritazioni alla pelle e agli occhi, danneggiando e seccando anche la pelle.

I tensioattivi presenti nell’acqua micellare sono scelti per essere delicati e ben tollerati dalla pelle della maggior parte delle persone.

Tuttavia, l’acqua micellare non è senza difetti. Sebbene sia efficace nel rimuovere un’ampia gamma di contaminanti, il trucco spesso o pesante potrebbe non venire via facilmente con l’acqua micellare (potrebbe essere necessario eseguire una pulizia più vigorosa).

Molti prodotti affermano inoltre che non è necessario il risciacquo. Dopo l’uso di acqua micellare i tensioattivi rimangono sulla pelle, ma per molte persone questo non causano irritazione. Tuttavia, se la pelle si irrita dopo aver usato un prodotto a base di acqua micellare, puoi provare a risciacquarla o a interromperne l’uso.

E come succede con molti prodotti cosmetici, dovresti testarlo prima su una piccola zona di pelle prima di usarlo su tutto il viso.