Cos’è il déjà vu e perché accade?

  • Pubblicato
  • Aggiornato
  • 5 minuti di lettura

Ti è mai capitato di provare un’improvvisa sensazione di familiarità mentre ti trovavi in ​​un posto completamente nuovo? O aver avuto la sensazione di aver già avuto la stessa identica conversazione con qualcuno?

Questa sensazione di familiarità è, ovviamente, conosciuta come déjà vu (termine francese che significa “già visto”) e si ritiene che si verifichi occasionalmente nel 60-80% delle persone. È un’esperienza quasi sempre fugace e avviene in modo casuale.

Allora cosa è responsabile di questi sentimenti di familiarità?

Nonostante la copertura nella cultura popolare, le esperienze di déjà vu sono scarsamente comprese in termini scientifici. Il déjà vu avviene in poco tempo, senza preavviso e non ha manifestazioni fisiche oltre all’annuncio: “Ho appena avuto un déjà vu!”

Molti ricercatori sostengono che il fenomeno sia un’esperienza basata sulla memoria e presumono che i centri della memoria del cervello ne siano responsabili.

Indice

Sistemi di memoria

lobi temporali mediali sono vitali per la conservazione della memoria a lungo termine di eventi e fatti. Alcune regioni dei lobi temporali mediali sono importanti nella rilevazione della familiarità, o del riconoscimento, in contrapposizione al ricordo dettagliato di eventi specifici.

È stato proposto che il rilevamento della familiarità dipenda dalla funzione della corteccia rinale, mentre il ricordo dettagliato è collegato all’ippocampo.

La casualità delle esperienze di déjà vu in individui sani rende difficile lo studio in modo empirico. Qualsiasi ricerca di questo tipo fa affidamento sull’auto-segnalazione delle persone coinvolte.

Problemi nella matrice

Un sottogruppo di pazienti con epilessia sperimenta costantemente un déjà vu all’inizio di una crisi, cioè quando le crisi iniziano nel lobo temporale mediale. Ciò ha offerto ai ricercatori un modo più controllato sperimentalmente di studiare il déjà vu.

Le crisi epilettiche sono evocate da alterazioni dell’attività elettrica nei neuroni nelle regioni focali del cervello. Questa attività neuronale disfunzionale può diffondersi in tutto il cervello come le onde d’urto generate da un terremoto. Le regioni del cervello in cui può verificarsi questa attivazione elettrica includono i lobi temporali mediali.

Il disturbo elettrico di questo sistema neurale genera un’aura (una sorta di avvertimento) di déjà vu prima dell’evento epilettico.

Misurando le scariche neuronali nel cervello di questi pazienti, gli scienziati sono stati in grado di identificare le regioni del cervello in cui iniziano i segnali di déjà vu.

È stato scoperto che il déjà vu viene indotto più facilmente nei pazienti con epilessia attraverso la stimolazione elettrica della corteccia rinale rispetto all’ippocampo. Queste osservazioni hanno portato a ipotizzare che il déjà vu sia causato da una scarica elettrica disfunzionale nel cervello.

Queste scariche neuronali possono verificarsi in modo non patologico nelle persone senza epilessia. Un esempio di ciò è lo scatto iponogogico, la contrazione involontaria che può verificarsi proprio mentre ci si addormenta.

È stato proposto che il déjà vu possa essere innescato da una scarica neurologica simile, provocando uno strano senso di familiarità.

Alcuni ricercatori sostengono che il tipo di déjà vu sperimentato dai pazienti con epilessia del lobo temporale è diverso dal tipico déjà vu.

Il déjà vu sperimentato prima di una crisi epilettica può essere duraturo, piuttosto che una sensazione fugace in coloro che non soffrono di crisi epilettiche. Nelle persone senza epilessia il vivido riconoscimento combinato con la consapevolezza che l’ambiente è veramente nuovo è intrinsecamente alla base dell’esperienza del déjà vu.

Disadattamenti e cortocircuiti

Il déjà vu nei partecipanti sani viene segnalato come un errore di memoria che può mettere in luce la natura del sistema di memoria. Alcuni ricercatori ipotizzano che il déjà vu si verifichi a causa di una discrepanza nei sistemi di memoria che porta alla generazione inappropriata di un ricordo dettagliato da una nuova esperienza sensoriale.

Cioè, le informazioni bypassano la memoria a breve termine e raggiungono invece la memoria a lungo termine.

Ciò implica che il déjà vu è evocato da una mancata corrispondenza tra l’input sensoriale e l’output di richiamo della memoria. Questo spiega perché una nuova esperienza può sembrare familiare, ma non così tangibile come un ricordo completamente rievocato.

Altre teorie suggeriscono che l’attivazione del sistema neurale rinale, coinvolto nella rilevazione della familiarità, avviene senza l’attivazione del sistema di raccolta dei dati all’interno dell’ippocampo. Ciò porta alla sensazione di riconoscimento senza dettagli specifici.

In relazione a questa teoria, è stato proposto che il déjà vu sia una reazione dei sistemi di memoria del cervello a un’esperienza familiare. Questa esperienza è nota per essere nuova, ma ha molti elementi riconoscibili, anche se in un ambiente leggermente diverso. Un esempio? Trovarsi in un bar o ristorante in un paese straniero che abbia la stessa disposizione di quello che frequenti abitualmente a casa.

Esistono ancora più teorie sulla causa del déjà vu. Questi spaziano dal paranormale – vite passate, rapimenti alieni e sogni precognitivi – ai ricordi formati da esperienze che non sono di prima mano (come le scene dei film).

Finora non esiste una spiegazione semplice del motivo per cui si verifica il déjà vu, ma i progressi nelle tecniche di neuroimaging possono aiutare la nostra comprensione della memoria e degli scherzi che la nostra mente sembra giocarci.

Fonti
theconversation Amy Reichelt, UNSW Sydney