tessuto

Come si fa il tessuto?

  • Pubblicato
  • Aggiornato
  • 3 minuti di lettura

Dai vestiti alle tende, agli asciugamani e alle lenzuola, i tessuti sono ovunque nella nostra vita quotidiana. Ma come si fa il tessuto?

Le persone producono tessuti, da molto tempo. In effetti, lo fanno da quasi 35.000 anni!

Per prima cosa pensiamo a cos’è un tessuto. Il dizionario dice che il tessuto è un tessuto fatto lavorando a maglia o intrecciando le fibre.

Cos’è una fibra?

Una fibra è come una ciocca di capelli. È molto lunga e sottile.

Le fibre possono provenire dalla natura. Alcune fibre naturali comuni sono cotone, seta e lana.

Negli ultimi 150 anni gli esseri umani hanno anche trovato il modo di produrre le fibre da soli. Possiamo usare la tecnologia per trasformare l’olio in fibre. Possiamo anche realizzare fibre speciali per rendere impermeabile il tuo impermeabile o rendere a prova di proiettile il giubbotto di un soldato.

Ma come si possono trasformare queste sottili fibre simili a capelli in qualcosa che possiamo indossare?

Dalla fibra al filato

Per prima cosa, dobbiamo unire le fibre per creare lunghe strisce di filo. Questo può essere complicato perché molte fibre sono piuttosto corte, specialmente quelle naturali.

Una fibra di cotone è solitamente lunga solo circa 3 cm. È più corta di una graffetta. La lana viene solitamente tagliata da una pecora quando è lunga 7,5 cm, circa la lunghezza di un pastello.

Torciamo insieme queste fibre più corte per creare un filato più lungo. La torsione fa sì che le fibre si sfreghino insieme e si aderiscano l’una all’altra. Questo processo è chiamato filatura di filati.

Filatura di filati

Il primo passo della filatura del filato consiste nel prendere un fascio di fibre, allinearle, pettinarle come si pettinano i capelli… o come si potrebbe pettinare una lunga barba! Infatti, quando li abbiamo pettinati in un lenzuolo, lo chiamiamo “barba”.

Successivamente, il foglio viene allungato in un lungo tubo. Man mano che si allunga, diventa sempre più sottile. Quindi lo torciamo per formare un filo. All’inizio questo delicato foglio di fibre poteva essere largo un metro, ma lo attorciziamo in un filo sottile.

Ci sono tanti tipi di filati. Possono essere sottili, spessi, duri, morbidi, elastici o anche quelli che non puoi tagliare! Tutto dipende dalla fibra di partenza e dalle impostazioni della macchina.

Trasformare il filo in tessuto

Una volta che abbiamo il nostro filato, siamo pronti per fare il tessuto. Ci sono molti modi per farlo, come tessere, lavorare a maglia o infeltrire.

La tessitura incrocia i fili sopra e sotto secondo uno schema a scacchiera. Il lavoro a maglia crea anelli che si incrociano.

L’infeltrimento è quando otteniamo fibre di lana bagnate e saponose. Strofiniamo le fibre insieme finché non sono tutte aggrovigliate. Quindi premiamo le fibre in un foglio piatto chiamato feltro.

La tessitura, il lavoro a maglia e l’infeltrimento possono essere molto lenti se fatti a mano! Oggi utilizziamo spesso le macchine per velocizzare le cose.

Come è fatto il tessuto

Quindi iniziamo con la fibra. La intrecciamo in lunghi fili di filo. Successivamente tessiamo, lavoriamo a maglia o infeltriamo il filo in tessuto. E questo, è il modo in cui realizziamo il tessuto.

Autore

Ken Aldren S. Usman, Dylan HeghDeakin University