veicolo telecomandato Deep Discoverer cattura le immagini di un campo di sfiato idrotermale scoperto di recente nel Pacifico occidentale
Il veicolo telecomandato Deep Discoverer cattura le immagini di un campo di sfiato idrotermale scoperto di recente nel Pacifico occidentale. NOAA
  • Categoria dell'articolo:Curiosità
  • Ultima modifica dell'articolo:6 Giugno 2023

Gli esploratori hanno iniziato a creare carte nautiche che mostrano quanto fosse largo l’oceano più di 500 anni fa. Ma è molto più difficile calcolare quanto sia profondo l’oceano.

Se volessi misurare la profondità di una piscina o di un lago, potresti legare un peso a una corda, abbassarlo fino in fondo, quindi tirarlo su e misurare la parte bagnata della corda. Nell’oceano avresti bisogno di una corda lunga migliaia di chilometri.

Nel 1872 l’HMS Challenger, una nave della marina britannica, salpò per conoscere l’oceano, compresa la sua profondità. Trasportava 291 chilometri di corda.

Durante il loro viaggio di quattro anni, l’equipaggio del Challenger ha raccolto campioni di rocce, fango e animali da diverse aree dell’oceano. Hanno anche trovato una delle zone più profonde, nel Pacifico occidentale, la Fossa delle Marianne che si estende per 2540 chilometri.

Oggi gli scienziati sanno che in media l’oceano è profondo 3,7 chilometri, ma molte parti sono molto meno profonde o più profonde. Per misurare la profondità usano il sonar, che sta per Sound Navigation And Ranging. Una nave emette impulsi di energia sonora e misura la profondità in base alla velocità con cui il suono torna indietro.

Le navi da ricognizione utilizzano sonar multibeam per misurare la profondità del fondale marino.

Le parti più profonde dell’oceano sono trincee: depressioni lunghe e strette, come una trincea nel terreno, ma molto più grandi. L’HMS Challenger ha campionato una di queste zone all’estremità meridionale della Fossa delle Marianne, che potrebbe essere il punto più profondo dell’oceano. Conosciuto come Challenger Deep, è profondo circa 11 chilometri.

Gli scienziati oceanici studiano il fondale marino perché ci aiuta a capire come funziona la Terra. Ad esempio, lo strato esterno del nostro pianeta è costituito da placche tettoniche, enormi lastre mobili di roccia e sedimenti. La catena Hawaiian-Emperor Seamount, una linea di picchi sul fondo dell’oceano, è stata creata quando una placca tettonica si è spostata su un punto in cui la roccia calda sgorgava dal profondo della Terra.

Quando due placche tettoniche si allontanano l’una dall’altra sott’acqua, il nuovo materiale sale nella crosta terrestre. Questo processo, che crea nuovi fondali oceanici, è chiamato diffusione del fondale marino. A volte i fluidi super caldi dall’interno della Terra escono attraverso le fessure nel fondo dell’oceano chiamate prese d’aria idrotermali.

Diffusione su una dorsale medio-oceanica. NASA
Diffusione su una dorsale medio-oceanica. NASA

In queste zone vivono pesci incredibili, molluschi, vermi tubolari e altre forme di vita. Tra la creazione e la distruzione delle placche oceaniche, i sedimenti si raccolgono sul fondo del mare e forniscono un archivio della storia della Terra, dell’evoluzione del clima e della vita che non è disponibile da nessun’altra parte.

Autore

Suzanne O’ConnellWesleyan University