neve nel deserto
  • Categoria dell'articolo:Scienza
  • Ultima modifica dell'articolo:10 Marzo 2022

La neve in un deserto caldo può sembrare una contraddizione, ma la neve è stata registrata più volte nel deserto del Sahara negli ultimi decenni, l’ultima nel gennaio 2022. Pertanto, le nevicate possono essere insolite ma non senza precedenti nella regione.

Affinché si formi la neve, sono necessarie due proprietà climatiche distintive: temperature fredde e aria umida. La presenza di neve riflette una combinazione speciale di circolazione dell’aria nell’atmosfera e la natura della superficie terrestre su cui cade la neve.

Sebbene il Sahara sia comunemente caratterizzato da temperature molto elevate (oltre i 50°C), si registrano anche basse temperature (in particolare di notte) a causa della nuda superficie della terra e del cielo sereno. Un freddo massimo di -14°C è stato registrato in Algeria nel gennaio 2005 durante l’inverno dell’emisfero settentrionale.

Il Sahara è il deserto caldo più grande del mondo. Si estende in 11 paesi dell’Africa settentrionale: Algeria, Ciad, Egitto, Libia, Mali, Mauritania, Marocco, Niger, Sahara occidentale, Sudan e Tunisia. Confina con l’Oceano Atlantico a ovest, il Mar Rosso a est, il Mar Mediterraneo a nord e la Sahel Savannah a sud.

I modelli di circolazione dell’aria invernale attirano aria fresca e umida verso il Sahara settentrionale dall’Atlantico e dal Mediterraneo. Ciò si traduce in precipitazioni invernali più elevate lungo la frangia del Sahara in questa stagione.

Su terreni più alti, come le montagne dell’Atlante del Marocco e dell’Algeria, l’aria che sale può raffreddarsi, condensarsi e, se l’aria è abbastanza fredda, la sua umidità può congelarsi per formare cristalli di neve e poi, alla fine, una coltre di neve. Se anche la superficie terrestre è fredda, la neve può persistere e non sciogliersi immediatamente.

È in queste condizioni meteorologiche, e in queste zone montuose, che occasionalmente si può trovare neve nel Sahara.

Precipitazioni e nevicate nel Sahara

Il centro del Sahara è iperarido, riceve meno di 100 mm di pioggia all’anno, ma ha anche corpi idrici su tre dei suoi quattro lati. L’aria umida arriva nella regione dall’Oceano Atlantico, dal Mar Mediterraneo e dall’Oceano Indiano, dai cicloni di bassa pressione nel Sahara settentrionale durante l’inverno e dalle piogge monsoniche nel Sahara meridionale durante l’estate. Le periferie del deserto sono quindi più umide del suo centro. Ciò significa che è più probabile che si formi neve alla periferia del deserto.

Le montagne dell’Atlante, in particolare, fungono da trappola per la neve a causa della loro vicinanza all’Atlantico e all’altitudine. La città algerina di Aïn Séfra ha ricevuto neve negli inverni dell’emisfero settentrionale del 1979, 2016, 2017, 2018, 2021 e 2022. Quest’ultimo evento è stato solo una leggera spolverata, che ha trasformato le dune di sabbia con un sottile mantello bianco, mentre nel 2018 ad esempio fino a 30 cm di neve sono caduti nelle zone più elevate. Diverse stazioni sciistiche si trovano nelle montagne dell’Atlante (principalmente con neve artificiale, tuttavia) poiché le prove mostrano che la neve cade relativamente frequentemente qui.

Il Sahara e il cambiamento climatico

La neve nel Sahara sta diventando più o meno comune? La risposta breve è che non lo sappiamo ancora. Ciò è in parte dovuto alla mancanza di dati sugli eventi passati, ma anche perché lo sforzo di modellazione climatica non si è concentrato sul Sahara, un’area a bassa popolazione.

Una proprietà chiave del Sahara è la sua dimensione (9 milioni di km2) e la lontananza. Ciò significa che i metodi di telerilevamento satellitare anziché le osservazioni sul campo vengono ora utilizzati per mappare i tempi, la quantità e la distribuzione di precipitazioni e nevicate. Ma questo si estende solo agli ultimi decenni: ci sono pochissime prove per modelli di nevicate prima che le registrazioni satellitari diventassero disponibili negli anni ’70.

Quindi le nevicate sahariane storicamente potrebbero essere più comuni di quanto pensiamo. Sarebbe interessante utilizzare prove antropologiche e storie orali per esplorare questa possibilità.

A livello globale, tuttavia, il cambiamento climatico sta portando a modelli meteorologici più imprevedibili. Nel Sahara, ciò può significare una maggiore variabilità delle precipitazioni lungo la sua frangia più umida del Sahel e lungo le coste atlantiche e mediterranee (comprese le montagne dell’Atlante).

È probabile che gli eventi nevosi continuino – e possano diventare più variabili in termini di tempi e quantità – se persistono condizioni più fredde sulle montagne.

Sebbene i modelli di neve siano incerti, questa non è la sfida principale che il Sahara deve affrontare a causa del cambiamento climatico. Si prevede che il lato terrestre delle montagne diventerà più secco e il centro del Sahara rimarrà asciutto e diventerà ancora più caldo. L’aumento della siccità, il pompaggio insostenibile e l’inquinamento delle falde acquifere sotterranee significano che c’è meno acqua disponibile per la sua agricoltura e le città in crescita.

Negli ultimi decenni, anche il Sahara stesso è diventato più grande a causa del fatto che il Sahel meridionale è diventato più secco e si è trasformato in deserto, e questo probabilmente continuerà nei decenni futuri.

Jasper Knight , Università del Witwatersrand