tazza con chicchi di caffè
  • Categoria dell'articolo:Salute / Scienza
  • Ultima modifica dell'articolo:24 Gennaio 2024

La caffeina è il composto psicoattivo più consumato al mondo. Anche se non bevi caffè o tè, probabilmente consumi regolarmente caffeina poiché si trova in qualsiasi cosa, dalle bevande gassate, al caffè decaffeinato e al cioccolato.

Quando la caffeina viene consumata, viene rapidamente assorbita dal corpo, raggiungendo il picco degli effetti entro due ore (anche se potrebbero essere necessarie fino a nove ore per essere espulsa dal corpo). È anche idrosolubile e liposolubile, quindi penetra in tutti i tessuti del corpo, il che spiega perché la caffeina può influenzare molte parti diverse del corpo.

Si consiglia agli adulti di consumare non più di 400 mg di caffeina al giorno (circa quattro tazze di caffè). Oltre queste dosi si possono manifestare tremori muscolari, nausea, mal di testa, battito cardiaco accelerato e persino la morte (in casi estremi).

Ma anche le persone che consumano solo un paio di tazze di caffè o tè al giorno possono ritenere di avere ancora effetti negativi dall’assunzione di caffeina, come irritabilità, difficoltà ad addormentarsi e nervosismo. Ecco perché sempre più persone decidono di rinunciare alla caffeina.

Se stai pensando di rinunciare alla caffeina e ti stai chiedendo quali benefici potrebbe avere, ecco cosa dice la ricerca:

Funzione cerebrale

L’astinenza da caffeina può causare mal di testa, affaticamento e stanchezza. Questo perché il corpo sviluppa una tolleranza alla caffeina.

La caffeina si lega a un recettore nel cervello utilizzato dall’adenosina. Il legame della caffeina con questi recettori fa sì che il corpo ritardi l’insorgenza della fatica. Ma col passare del tempo le cellule cerebrali producono più recettori dell’adenosina per consentire il normale legame dell’adenosina.

Quindi, quando smetti di consumare caffeina, ci sono troppi recettori dell’adenosina a cui legarsi. Ciò consente all’affaticamento e alla stanchezza di manifestarsi normalmente, con la persona che si sente più stanca di prima.

Il mal di testa si verifica a causa dell’assenza di caffeina. Nella testa e nel collo, la caffeina provoca il restringimento dei vasi sanguigni, riducendo il flusso sanguigno al cervello. Quando si smette di bere caffeina, dopo circa 24 ore i vasi sanguigni ritornano alla normalità, provocando un aumento del flusso sanguigno al cervello e scatenando mal di testa. Possono durare fino a 9 giorni in media.

E poiché la caffeina si lega ai recettori dell’adenosina (che modula anche il dolore), smettere di assumere caffeina può aumentare temporaneamente la percezione e la sensibilità al dolore perché ci sono più recettori disponibili.

La caffeina in realtà influisce sul sonno solo se consumata nel tardo pomeriggio e la sera. Questo perché la caffeina ritarda di 40 minuti il ​​rilascio della melatonina (un ormone che ci rende stanchi). La caffeina riduce anche la durata complessiva del sonno e accorcia il periodo di sonno profondo.

Ciò può aumentare la tua stanchezza il giorno successivo, portando a un ciclo di utilizzo di caffeina per svegliarti ma di conseguenza ad avere problemi a dormire. Quando smetti di assumere caffeina, potresti scoprire che il tuo sonno migliora. Alcune prove suggeriscono che i miglioramenti si vedono in appena 12 ore.

La caffeina è stata anche collegata ad un aumento dell’ansia e degli attacchi di panico – e non solo in coloro che hanno una predisposizione a problemi di salute mentale. Ridurre o eliminare la caffeina può migliorare il tuo umore. Ciò potrebbe in parte essere dovuto al fatto che migliora il sonno. La privazione del sonno può esacerbare l’ansia e altri disturbi dell’umore.

Ma i recettori dell’adenosina a cui si lega la caffeina sono coinvolti anche nella modulazione di altri neurotrasmettitori che hanno un ruolo nello stressnella felicità e nella paura.

Salute cardiovascolare

Ridurre o eliminare la caffeina potrebbe anche curare il bruciore di stomaco e l’indigestione. La caffeina induce la secrezione acida nello stomaco e indebolisce lo sfintere esofageo, che controlla il reflusso del contenuto dello stomaco nell’esofago, provocando bruciore di stomaco e indigestione.

Smettere di assumere caffeina può anche abbassare la pressione sanguigna e ridurre la frequenza cardiaca, sebbene altri studi abbiano mostrato pochi cambiamenti.

Questo perché se qualcuno consuma caffeina ogni giorno per molti anni, il suo corpo si adatta all’esposizione – e diventa la nuova norma con i suoi effetti stimolanti sul sistema nervoso, sull’intestino e sul cuore.

Sembra che ci sia anche una componente genetica nella tolleranza e nel metabolismo della caffeina. Ciò potrebbe significare che alcune persone sono più colpite dalla caffeina rispetto ad altre, anche se sono necessarie ulteriori ricerche su questo collegamento.

Un sorriso più luminoso

Eliminare la caffeina può migliorare il candore dei denti, non direttamente a causa della caffeina, ma perché  e caffè contengono composti tra cui i tannini che macchiano i denti.

Anche lo zucchero contenuto nelle bevande energetiche può causare danni ai denti. Smettere può aiutare a proteggerli. Le prove suggeriscono anche che le bevande contenenti caffeina possono ridurre la quantità di saliva prodotta, che normalmente protegge i nostri denti dai danni.

Potresti anche scoprire di avere una maggiore sensibilità al gusto dei cibi e delle bevande dolci dopo l’abbandono della caffeina, poiché essa interferisce con il gusto delle sostanze dolci.

Andare meno in bagno

La caffeina agisce sulla muscolatura liscia dell’intestino, in particolare nel colon, provocandone la contrazione e innescando la voglia di defecare. La caffeina può anche modificare la consistenza delle feci, soprattutto se bevi troppo, poiché la caffeina influisce sull’assorbimento dell’acqua.

Ridurre l’assunzione di caffeina può causare una voglia meno frequente di fare la cacca e la consistenza delle feci potrebbe cambiare.

La caffeina agisce anche come un leggero diuretico, provocando un aumento della produzione di urina. Questo perché la caffeina lega i recettori dell’adenosina nei reni, alterando il modo in cui viene scambiato il sodio, influenzando la ritenzione idrica. Ci sono anche prove che la caffeina sia un irritante della vescica, che può causare un bisogno più frequente di urinare. Smettere di assumere caffeina può ridurre il numero di visite giornaliere al bagno.

Consumo moderato

Come per molte cose, si tratta di moderazione.

Ma se stai seriamente pensando di smettere di assumere caffeina, il modo migliore per farlo è gradualmente. Un taglio netto porterà effetti collaterali come mal di testa e stanchezza che possono durare due o tre settimane.

Quanto siano gravi e duraturi dipende da quanta caffeina hai consumato ogni giorno e da quanto tempo dura la tua abitudine.