Pizza

Perché la pizza è così buona?

  • Pubblicato
  • Aggiornato
  • 3 minuti di lettura

La pizza è uno degli alimenti più apprezzati al mondo.

C’è una ragione per cui la pizza è così popolare. Gli esseri umani sono attratti dagli alimenti grassi, dolci, ricchi e complessi. La pizza ha tutti questi componenti. Il formaggio è grasso, i condimenti della carne tendono ad essere ricchi e la salsa è dolce.

I condimenti per la pizza sono anche ricchi di un composto chiamato glutammato, che si trova nei pomodori, nel formaggio, nei peperoni e nella salsiccia. Quando il glutammato raggiunge la nostra lingua, dice al nostro cervello di eccitarsi e di desiderarne di più. Questo composto fa effettivamente venire l’acquolina in bocca in attesa del prossimo morso.

Poi ci sono gli abbinamenti degli ingredienti. Formaggio e salsa di pomodoro sono come un matrimonio perfetto. Da soli, hanno un sapore piuttosto buono. Ma secondo gli scienziati culinari, contengono composti aromatici che hanno un sapore ancora migliore se mangiati insieme.

Un’altra qualità della pizza che la rende così deliziosa: i suoi ingredienti diventano dorati durante la cottura in forno.

Gli alimenti diventano marroni e croccanti quando li cuciniamo a causa di due reazioni chimiche.

La prima si chiama caramellizzazione e avviene quando gli zuccheri presenti in un alimento diventano marroni. La maggior parte degli alimenti contiene almeno un po’ di zucchero; una volta che gli alimenti hanno una temperatura compresa tra 230 e 320 gradi, i loro zuccheri iniziano a diventare marroni. Il caramello è composto da diverse migliaia di composti, il che lo rende uno dei prodotti alimentari più complessi. Su una pizza, ingredienti come cipolle e pomodori si caramellano durante la cottura, rendendoli ricchi, dolci e saporiti. Quella crosta marrone e croccante è anche il risultato della caramellizzazione dell’impasto.

Sebbene anche la carne e il formaggio sulla pizza diventino scuri, ciò è dovuto a un processo diverso chiamato ” reazione di Maillard “, che prende il nome dal chimico francese Louis-Camille Maillard.

La reazione di Maillard si verifica quando gli aminoacidi contenuti negli alimenti ad alto contenuto proteico come formaggio e peperoni reagiscono con gli zuccheri presenti in tali alimenti quando riscaldati. I peperoni che diventano croccanti con i bordi arricciati e il formaggio che diventa dorato e fa bolle sono esempi della reazione di Maillard all’opera.

Con pane, formaggio e salsa di pomodoro come base, la pizza potrebbe sembrare un alimento semplice.

Non lo è. E ora, la prossima volta che stai per divorarne una fetta, potrai apprezzare tutti gli elementi della pizza che stimolano il nostro cervello, emozionano le nostre papille gustative e ci fanno venire l’acquolina in bocca.