Stablecoin
  • Categoria dell'articolo:Economia
  • Ultima modifica dell'articolo:22 Maggio 2022

Le stablecoin sono un tipo di criptovaluta legata a un asset come il dollaro USA che non cambia molto di valore.

La maggior parte delle dozzine di stablecoin attualmente esistenti utilizza il dollaro come asset di riferimento, ma molte sono anche ancorate ad altre valute legali emesse da governi come l’euro e lo yen. Di conseguenza, il prezzo delle stablecoin dovrebbe fluttuare molto poco, a differenza delle criptovalute di alto profilo come bitcoin ed ethereum che sono soggette a improvvisi alti e bassi.

La prima stablecoin, creata nel 2014, è stata Tether, su cui sono modellate molte altre stablecoin. Gli utenti ricevono un token per ogni dollaro depositato. In teoria, i token possono quindi essere riconvertiti nella valuta originale in qualsiasi momento, anche a un tasso di cambio uno a uno.

All’11 maggio 2022, c’erano circa 83 miliardi di dollari in Tether in circolazione, ovvero poco meno della metà della capitalizzazione di mercato di 172 miliardi di dollari di tutte le stablecoin in tutto il mondo. Il secondo più grande è noto come USD Coin, che ha una capitalizzazione di mercato di circa $ 49 miliardi.

Perché le stablecoin sono importanti

In origine, le stablecoin venivano utilizzate principalmente per acquistare altre criptovalute, come il bitcoin, perché molti scambi di criptovalute non avevano accesso ai servizi bancari tradizionali. Sono più utili delle valute emesse dai paesi perché puoi usarle 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana, in qualsiasi parte del mondo, senza fare affidamento sulle banche. I trasferimenti di denaro richiedono pochi secondi per essere completati.

Un’altra caratteristica utile delle stablecoin è che possono funzionare con i cosiddetti contratti intelligenti su blockchain, che, a differenza dei contratti convenzionali, non richiedono alcuna autorità legale per essere eseguiti. Il codice nel software determina automaticamente i termini dell’accordo e come e quando verrà trasferito il denaro. Questo rende le stablecoin programmabili in modi che i dollari non possono essere.

I contratti intelligenti hanno dato origine all’uso di stablecoin non solo nel trading senza soluzione di continuità, ma anche nel prestito, nei pagamenti, nell’assicurazione, nei mercati di previsione e nelle organizzazioni autonome decentralizzate, attività che operano con un intervento umano limitato.

Collettivamente, questi servizi finanziari basati su software sono noti come finanza decentralizzata o DeFi.

I sostenitori ritengono che spostare denaro tramite stablecoin sia più veloce, più economico e più facile da integrare nel software rispetto alla valuta fiat.

Altri affermano che la mancanza di regolamentazione crea grossi rischi per il sistema finanziario. In un recente articolo, gli economisti Gary B. Gorton e Jeffery Zhang tracciano un’analogia con la metà dell’era del 19° secolo, quando le banche emettevano le proprie valute private. Dicono che le stablecoin potrebbero portare agli stessi problemi osservati in quell’epoca, quando c’erano corse frequenti perché le persone non potevano essere d’accordo sul valore delle valute emesse privatamente.

Un promemoria di questi rischi è arrivato nel maggio 2022 quando una cosiddetta stablecoin algoritmica nota come TerraUSD, o UST, è crollata di valore. Le stablecoin algoritmiche utilizzano un complesso sistema di masterizzazione, o creazione di token a scopo di lucro, per mantenere il loro peg.

A causa di questi problemi, di recente le autorità di regolamentazione hanno mostrato maggiore interesse.

Autore

Stephen McKeon, Università dell’Oregon