Al momento stai visualizzando Una società tecnologicamente avanzata sta scegliendo di autodistruggersi
Landon Parenteau/Unsplash, CC BY
  • Categoria dell'articolo:Ambiente
  • Ultima modifica dell'articolo:28 Dicembre 2022

Mentre i leader mondiali si riuniscono per la conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP27) in Egitto, è difficile essere ottimisti sul fatto che i colloqui genereranno un allontanamento radicale della società dall’inesorabile aumento delle emissioni globali di carbonio negli ultimi due secoli.

Dopotutto, prima dei colloqui di Glasgow dello scorso anno, gli esperti avevano avvertito che il vertice era l’ultima possibilità al mondo di limitare il riscaldamento globale a 1,5℃ in questo secolo. Eppure, un rapporto delle Nazioni Unite la scorsa settimana ha rilevato che anche se tutte le nazioni raggiungessero i loro obiettivi climatici in questo decennio, il pianeta si riscalderebbe comunque di un catastrofico 2,5 ℃.

C’erano speranze che la pandemia globale potesse aver spostato le economie mondiali dalla loro dipendenza dai combustibili fossili poiché i blocchi hanno ridotto il consumo di energia e i politici progressisti hanno proposto programmi politici alternativi.

Ma dopo la riapertura dei confini, la nostra dipendenza dai combustibili fossili è tornata con una vendetta. In effetti, l’Agenzia internazionale per l’energia prevede che l’utile netto per i produttori di petrolio e gas raddoppierà nel 2022 a un allarmante 4 trilioni di dollari.

Com’è possibile che una società tecnologicamente avanzata possa scegliere di autodistruggersi non riuscendo ad agire per evitare una catastrofe climatica?

Abbiamo avuto decenni per agire

Come guardare un incidente ferroviario al rallentatore, per decenni i principali scienziati del clima del mondo hanno messo in guardia sui pericoli delle emissioni di gas serra sempre crescenti.

I leader politici e aziendali erano a conoscenza della minaccia più di un decennio prima che diventasse di dominio pubblico. Nel 1977, il presidente degli Stati Uniti Jimmy Carter è stato informato sulla possibilità di un cambiamento climatico catastrofico. Nello stesso anno, i promemoria interni di una delle più grandi compagnie petrolifere del mondo chiarivano che la continua combustione di combustibili fossili avrebbe riscaldato drammaticamente il pianeta.

Allora perché, nei 45 anni trascorsi, c’è stata così poca azione in risposta? Perché condanniamo i bambini di oggi e le generazioni future a vivere su un pianeta pericoloso e ostile?

Abbiamo cercato di rispondere a questa domanda nel corso degli anni nella nostra ricerca sul business e sui cambiamenti climatici.

La risposta, sosteniamo, si basa su un presupposto prevalente organizzato dalle élite aziendali e politiche: che la crescita economica senza fine alimentata dall’energia fossile è così fondamentale e di buon senso che non può essere messa in discussione.

Definiamo questa ideologia divorante “egemonia sui combustibili fossili“. Afferma che il capitalismo aziendale basato sull’energia fossile è uno stato naturale dell’essere, uno che va al di là di ogni sfida.

Come funziona l’egemonia sui combustibili fossili

Il concetto di “egemonia” è stato sviluppato dall’intellettuale italiano Antonio Gramsci. Negli anni ’20 Gramsci cercò di spiegare come le classi dominanti mantenessero il loro potere al di là dell’uso della forza e della coercizione.

Ha sostenuto che l’egemonia implicava un processo continuo per ottenere il consenso di attori chiave nella società come gli industriali, i media e le istituzioni religiose ed educative, per formare un blocco dominante. La società civile accetterebbe così l’ordine prevalente, smorzando ogni minaccia di rivoluzione.

Le idee di Gramsci ci aiutano a capire la mancanza di azione in risposta alla crisi climatica. In particolare, aiuta a spiegare l’influenza eccessiva del settore imprenditoriale sulla politica climatica in tutto il mondo.

Ad esempio, una serie di studi recenti ha esplorato “l’egemonia dei combustibili fossili” in paesi come l’Australia, il Canada e gli Stati Uniti. Questi studi sostengono che tale egemonia comprende una coalizione di attori aziendali e politici con interessi allineati attorno alla crescita economica dipendente dal carbonio. Ciò porta a progressi limitati sulla legislazione per ridurre le emissioni di carbonio.

L’egemonia si è estesa anche all’attività politica aziendale che semina dubbi sulla scienza del clima, alle pressioni contro la riduzione delle emissioni e le energie rinnovabili e la cattura dei partiti politici da parte di interessi allineati con i combustibili fossili.

Questo aiuta a spiegare perché gli ambientalisti che sostengono di mantenere i combustibili fossili nel terreno vengono attaccati dai politici conservatori e dai media di destra.

Sono presentati non solo come una minaccia al “nostro stile di vita”, ma come radicali illusi e pericolosi, o addirittura terroristi.

C’è un altro modo

Naturalmente, ci sono alternative all’egemonia dei combustibili fossili. Implica un’immediata e drammatica decarbonizzazione dell’economia globale, come aspira a raggiungere la COP27 in Egitto.

Ma richiede anche modelli economici alternativi di “decrescita”. La decrescita implica una contrazione pianificata ed equa delle economie ricche, fino a quando non opera in modo stabile e all’interno della capacità delle risorse del pianeta.

Ciò include sistemi di scambio di carbonio con un tetto in rapido abbassamento, limiti di estrazione di combustibili fossili, autonomia dei lavoratori e orari di lavoro più brevi e garanzie di lavoro con salari dignitosi.

Questi tipi di politiche si basano su riforme fiscali per limitare l’uso delle risorse e ridurre le emissioni di carbonio, promuovendo al contempo la condivisione del lavoro e limitando la produzione e il consumo.

Ciò richiede anche una politica molto più democratica di quella consentita dall’attuale egemonia, che sfida l’illusione che la crescita economica possa continuare anche quando i sistemi di supporto vitale della Terra iniziano a fallire.

Ma la vera prova dell’egemonia dei combustibili fossili sarà per quanto tempo questa immagine può persistere mentre il tempo diventa più estremo e cresce l’attivismo per il clima.

Perché man mano che sempre più persone riconoscono la realtà della crisi climatica, coloro che cercano di mantenere l’egemonia sui combustibili fossili dovranno lavorare di più per mantenere il controllo sulla politica climatica.

Autore

Christopher Wright, Università di SydneyDaniel Nyberg, Università di NewcastleVanessa Bowden, Università di Newcastle